fotografia

Omaggio a Mimmo Rotella – Graffiti Strappati – Silvia Questore

Dai manifesti ai graffiti. Continuando ad esplorare le modalità con cui esprimere la mia modesta interpretazione di Mimmo Rotella.

A guidare la mia ricerca rimane la volontà di comporre l’immagine nell’obiettivo, con l’intento di dare ad essa forza, movimento, materia. Di farvi convergere le dimensioni “spazio” e “tempo”.

Protagonisti di questa serie di scatti sono i muri. Un graffito ripreso, da diverse prospettive e distanze, attraverso il gazebo di un locale la cui struttura plastificata trasparente, in parte rigida in parte più moribida e leggermente sciupata, ha favorito il gioco di luci e di riflessi. Da qui immagini sovrapposte, figure liberate dalla loro forma e miscele di colori che in alcuni scatti sembrano sciogliersi.

Il post produzione è limitato alla regolazione del contrasto, della luce, del colore.

Il risultato è qualcosa di estremamente diverso dall’idea con la quale ero partita per questo progetto. Sento che sto osando molto con questa pubblicazione, ma trovo questo percorso assai interessante, inaspettato, sorprendente e stimolante.

Silvia Questore

Rispondi