fotografia

Notturno monzese, di Renato Corpaci

Mi piace chi lavora di notte. È gente abituata a farlo in silenzio, scambiandosi pochi gesti, più che ordini, richieste, informazioni. Intorno a loro la città dorme.

Si muovono con sicurezza o consultando le mappe che qualcun altro ha loro fornito, prima di erigere uno stand, una transenna o… un campo da basket.

Miracolosamente, all’alba, quello che qualche ora prima non c’era, ora c’è, pronto ad accogliere addetti e visitatori che, fino a un’ora prima, erano comodamente rannicchiati nel loro giaciglio, in attesa di cominciare la giornata.

Renato Corpaci

Categorie:fotografia

Con tag:,

Rispondi