PhotoFestival

Milano PhotoFestival 2018: Elisa Santoro e Salvatore Uccello a ChiAmaMilano

PhotoFestival 2018

Milano PhotoFestival 2018: mostra fotografica bipersonale di Elisa Santoro e Salvatore Uccello

Milano PhotoFestival 2018: mostra fotografica di Elisa Santoro e Salvatore Uccello a ChiAmaMilano: CARO ESTINTO – l’estetica del rispetto. Apre oggi presso Negozio Civico ChiAmaMilano in Via Laghetto, 2 (vedi MAPPA) a Milano la nuova mostra fotografica bipersonale di Elisa Santoro e Salvatore Uccello. Evento presente sia nel calendario del Milano Photofestival che nella Milano Photo Week (infatti la mostra sarà visitabile dal 14 al 26 maggio e dal 4 al 9 giugno presso la stessa sede).

La mostra di compone di una trentina di immagini quasi tutte in bianco e nero.

Si tratta di una mostra fotografica che propone un affascinante ed alternativo itinerario di arte fotografica, proponendo immagini di Cimiteri Monumentali – e non – italiani ed esteri.
Queste fotografie sono state scattate nell’arco di diversi anni ed in occasione di viaggi dove la parte relativa al “necroturismo” è spesso protagonista. Non si tratta di tombe di personaggi famosi ma di tombe di particolare interesse artistico. Sono state scattate non solo in cimiteri cattolici ma anche ebraici, ortodossi, protestanti, buddisti e shintoisti.

La mostra PhotoFestival 2018 di Elisa Santoro e Salvatore Uccello è in 3 parti:

  • PhotoFestival 2018

    PhotoFestival 2018 Elisa Santoro e Salvatore Uccello

    La prima che racchiude una sorta di introduzione alla mostra dove possiamo ritrovare diverse immagini, alcune di esse rappresentano azioni o sentimenti della vita “terrena” nonché una visione più ampia su diverse tipologie di monumenti, da quelli più particolari come quella di Yuri Vladimirovich Nikulin, attore comico russo del Cimitero di Novodevičij di Mosca a quella più toccante e struggente del Vecchio cimitero ebraico di Lodz, Polonia ed in particolare della parte nota come “Pole Gettowe” ovvero “Campo del Ghetto”

  • La seconda parte invece comprende immagini legate prettamente all’aspetto “profano” permeato di sensualità ed erotismo, qui oltre a sensuali figure femminili spiccano anche statue che rappresentano coppie come quelle scattate a Mosca, Genova e Verona
  • La terza parte infine comprende immagini e monumenti funebri con una simbologia prettamente religiosa, menzioniamo a questo proposito l’unica foto presente per scelta del Cimitero Monumentale di Milano scattata con un’ottica insolita per questa tipologia di soggetti: il fish-eye.

Attraverso queste fotografie, si vuole proporre un punto di vista alternativo e liberare questi luoghi dall’idea diffusa e comune che li vuole pregni di tristezza, oscurità e malinconia, mettendo in risalto il lato estetico dell’arte funeraria dove i monumenti funerari diventano vere e proprie opere d’arte. Da qui nasce infatti il concetto di “estetica del rispetto”. Infatti, pur non dimenticando la sacralità di questi luoghi, questa mostra vuole portare alla luce la bellezza, l’arte e il fascino che i cimiteri racchiudono tra le loro mura. Viene tralasciato l’aspetto religioso, concentrandosi prevalentemente su quello “profano” e “quotidiano” attraverso le quali è evidente l’indissolubile legame ed eterno con la “vita”.

Sabato 19 maggio dalle h. 17.00 si terrà l’inaugurazione con la proiezione di un video e la partecipazione di Valeria Celsi, accompagnatrice e guida turistica nonché scrittrice esperta in Arte Funeraria. Valeria Celsi organizza numerose visite a Milano, non solo presso il Cimitero Monumentale ma anche visite “noir” riguardanti leggende, fantasmi, inquisizione, templari e molte altre curiosità meneghine.

CARO ESTINTO – l’estetica del rispetto 

mostra bipersonale di Elisa Santoro e Salvatore Uccello

ChiAmaMilano

Via Laghetto 2 Milano
14-26 maggio 2018 e 4-9 giugno 2018

Lun-Ven 10:00-20:00 orario continuato Sab. 12:00-20:00 orario continuato
Domenica CHIUSO
INGRESSO GRATUITO

Elisa Santoro e Salvatore Uccello

Elisa Santoro e Salvatore Uccello – CARO ESTINTO

ChiAmaMilano

ChiAmaMilano – PhotoFestival 2018, mostra di Elisa Santoro e Salvatore Uccello

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.