Senza categoria

Zaha Hadid Tower – Dettagli

Da sempre lo sguardo mi conduce ad interagire con quel che mi circonda, cercando una luce particolare, forme, colori, dettagli che mi colpiscano.Nel tempo mi sono appassionata alle geometrie dell’Architettura contemporanea, in particolare quella che sa osare, andando oltre gli ordini architettonici classici ed azzardando forme inconsuete, linee, volumi, pieni e vuoti, equilibri fino a pochi anni fa inconcepibili.
Così mi piace cogliere un grattacielo da inquadrature "avventurose" che ne esaltino lo slancio, la matericità, la cifra peculiare delle sue forme o che ne rivelino l’armonia con quanto lo circonda, a cercarne quasi una contiguità.
E lungo il mio percorso ho scoperto il piacere del dettaglio, scomponendo l’immagine architettonica in sottomultipli visuali, moduli talvolta ripetibili, combinabili tra loro nel rispetto di criteri estetici.
Da quanto premesso, la Zaha Hadid Tower, sorta nel quartiere innovativo Citylife a Milano, incontra pienamente la mia passione per quell’Architettura capace di "tradurre l’Immaginazione in Immagine".
Esempio del "Decostruttivismo" di cui Zaha Hadid è magistrale esponente, questa torre, sviluppandosi su un asse centrale, sembra avvitarsi nel cielo, basandosi su criteri di autoportanza, resistenza, ecocompatibilità e capacità d’essere flessibile, giocando con l’ampia versatilità dei suoi materiali ( vetro, acciaio, cemento ), a generare ampi spazi, riflessi e trasparenze.

Bianca M. Vitali Rosati

Mail priva di virus. www.avast.com

Categorie:Senza categoria

1 risposta »

Rispondi