diMercoledì

PhotoMilano diMercoledì

Un ciclo di appuntamenti, aperti al pubblico, dedicati alla proiezione e visione di progetti fotografici e autori. Si svolgono ogni mercoledì alle 19:30, nella sede di PhotoMilano, la Casa Museo Spazio Tadini.

L’idea, di Francesco Tadini fondatore e direttore di PhotoMilano Club Fotografico Milanese, porta ogni mercoledì uno o più fotografi esterni o appartenenti a PhotoMilano, oppure curatori e altri relatori, a presentarne al pubblico autori, progetti, foto sciolte, discutendo di fotografia, di tecnica, di stile. Discutendo insieme di idee e possibilità.

Iniziati il 6 febbraio 2019 proseguono anche in questo 2020.

QUI tutti gli appuntamenti

29 gennaio 2020

5 febbraio 2020

15 gennaio 2020

I “diMercoledì” 2019

diMercoledì 29 gennaio 2020 ore 19:30 Ludovico Balena e i suoi orizzonti urbani

PhotoMilanese da poco, new entry, Ludovico Balena si è subito fatto apprezzare con la sua visione delle città e del sistema (non solo paesaggio) urbano; con questa sua luce che si fa sospensione del tempo … mind out of time.

Ludovico Balena

In questo “diMercoledì” presenta una selezione di sue fotografie e sarà occasione per dialogare con lui di questa sua capacità, intelligente, nel guardare le città e orizzonti urbani.

Conduce e modera Francesco Tadini

diMercoledì 5 febbraio 2020 ore 19:30 “Une belle vie une belle mort” Presentazione del libro di Riccardo Bononi e Incontro con l’autore

Riccardo Bononi, fotogiornalista e antropologo, è in Mostra a Spazio Tadini Casa Museo con “Nonostante tutto” selezione di oltre 40 fotografie degli ultimi 12 anni di reportage in Madagascar. Sarà il protagonista del primo “diMercoledì” di febbraio, consueto appuntamento con la fotografia di PhotoMilano. Occasione per parlare del libro e dei suoi reportage.

Conducono e moderano Federicapaola Capecchi e Francesco Tadini.

Une Belle Vie, Une Belle Mort
Di Riccardo Bononi

Potresti immaginare un mondo in cui l’idea stessa della morte non esiste? Dove gli uomini non sono spaventati dalla morte e dai tabù ossessivi riguardanti la mortalità umana? L’antropologo britannico Geoffrey Gorer ha scritto di come la morte sia diventata “pornografica” per noi occidentali, un contenuto osceno da cui proteggere i bambini. La paura associata alla
morte è sempre stata considerata un universale culturale nel tempo e nello spazio: “Gli uomini temono la morte”, e questa convinzione non è mai stata messa in dubbio. Tuttavia questa verità viene meno in Madagascar, dove il Culto degli Antenati è la religione di stato: un mondo agli antipodi, dove i vivi e i morti intrattengono discussioni, condividono esperienze e spazi domestici, dove i bambini giocano tra i cadaveri e la morte non è mai considerata come antitetica alla vita. Come antropologo culturale, Riccardo Bononi ha vissuto per dieci anni a stretto contatto con il popolo malgascio, nelle loro case e nelle loro tombe, immergendosi completamente con le loro usanze, linguaggi e tradizioni peculiari, condividendone tanto la vita quotidiana, quanto la quotidianità della morte.

diMercoledì 15 gennaio 2020 ore 19:30 “CREO Incontro con gli autori”

I 5 protagonisti della Mostra Fotografica Collettiva CREO incontrano il pubblico per raccontare di sé e del proprio lavoro in mostra. Una serata di visione delle foto (non solo quelle esposte) di ognuno di loro e di confronto, dialogo con il pubblico. Moderano Federicapaola Capecchi e Francesco Tadini.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.