fotografia

OMAGGIO A MIMMO ROTELLA “Divertissement” di Elisabetta Gatti Biggì

Mimmo Rotella la carta la conosceva bene. E anche il colore. E il divertimento, oh quello soprattutto.
A Viareggio, terra maestra della cartapesta e delle maschere, sulla spiaggia a ridosso del porto canale c’è un clown abbandonato da chissà quale Carnevale passato.
Mi rideva in faccia, lo sfrontato. Si vedeva da lontano.
Mi sono avvicinata, e lui rideva ancora.
Ma cosa ridi tu, che sei fatto di cartapesta? Cosa ridi, che sei tutto uno strappo?
Irriverentemente ho fotografato le sue mille rughe, le sue pagine di giornali che il tempo il vento e il sole facevano riemergere come rughe di persona antica, sovrapponendosi in un caos creativo stordente a chiazze di colore ancora lì nonostante tutto. Un gioco di burla grande come un naso rosso fuoco, vivo come uno sguardo di occhi turchesi.
Divertiti, dice il clown, vedi sotto quella ruga? che data vedi? chi era il sindaco? che tempo faceva quel giovedì? cosa davano al cinema?
E tu, tutto carta e colore, tu lo sai chi era Rotella? Scommetto di sì.

Elisabetta Gatti Biggì

Rispondi